Storicamente classificata come la più antica chiesa di Taverna, la sua fondazione coincide con il trasferimento della popolazione dalla distrutta città medievale al Casale di Bompignano, durante la prima metà del XV sec. Nel 1477 gli viene assegnata, dal vescovo di Catanzaro, il titolo di "Collegiata". Nel 1668 la famiglia Scarnati fonda una Cappella Padronale dedicata a S. Leonardo, mentre nel 1684 viene fondata la Cappella Padronale dell'Angelo Custode da parte della famiglia Carafa. Nella seconda metà del settecento viene chiamato a lavorare nella chiesa il pittore Cristoforo Santanna che accompagnato da buoni aiuti della bottega di Rende, decora l'intero soffitto ligneo della navata centrale. Nel 1783 la chiesa subì gravi danni a seguito del terremoto cosicchè nel 1789 viene redatta una relazione per l'appalto dei lavori di restauro della chiesa. L'ottocento è un secolo di decadimento e abbandono che interessa quasi tutti gli edifici sacri del paese. Bisogna aspettare il 1958 affinchè vengono ultimati i lavori di ricostruzione della chiesa che tra l'altro cancellano, più del disastroso alluvione del 1954, tutti gli stilemi dell'architettura originaria, distruggono l'antico arredo dell'interno che viene sostituito da una sommaria cementificazione rivestita da materiali edili.

Interno chiesa