Chine te dicia ca te vò cchiù bbene i patr'e ddi mamma, o te trad'o te 'nganna.(Chi dice di volerti più bene di quanto te ne vogliono tuo padre e tua madre o ti tradisce o ti inganna)

 


Nu patre e na mamma criscianu centu figghi, centu figghi nun mantenanu nu patre o na mamma.(Un padre e una mamma allevano cento figli, cento figli non riescono a mantenere un padre o una mamma)

 


Megghiu ma crisci porci ca ma crisci figghi, armeno ti ne cunni u mussu.(Meglio allevare maiali che figli, almeno te ne conisci il muso)

 


Di frati e de soru nne pò dire, ma nun ne pò sentire.(Dei fratelli e delle sorelle ne puoi dire, ma non ne puoi sentire)

 


I figghi com'e 'mpari te trovi.(I figli come li educhi te li trovi)

 


A figghia fimmina a diciott'anni o a spusi o a scanni.(La figlia femmina a diciotto anni o la sposi, o la uccidi)

 


Figghi picculi guai picculi, figghi ranni guai ranni.(Figli piccoli guai piccoli, figli grandi guaoi grandi)

 


Alla casa du pezzente nun manca mmai nu tozz'i pane.(Nella casa del povero non manca mai un tozzo di pane)

 


L'amicu se vida au momentu du bisognu.(L'amico si vede al momento del bisogno)

 


Fà bbene e scordate, fà male e guardate.(Fai del bene e dimenticatene)

 


Quannu mmai u vurdu ha capisciutu u diunu!(Quando mai che è sazio ha compreso chi soffre la fame!)

 


U Signore pruvvida i pruvviduti ca l'atri cce su' mparati.(Il Signore provvede nei confronti di che già sta bene, perchè gli altri sono ormai abituati a star male)

 


U cane muzzica sempre u sciancatu.(Il cane morde sempre lo straccione) 

 


Pur'i pulici tenan'a tussa!(Anche le pulci hanno la tosse)

 


A mmerda: chiù a manii e chiù puzza!(La merda: più la rimesti e più puzza)

 


E' megghiu sulu ca mal'accumpagnatu.(Meglio star da soli che con cattiva compagnia)

 


S'a mmidia fossi guaddrara, a Taverna ne viderra guaddrarusi!(Se l'invidia fosse ernia, a Taverna ne vedresti erniosi!) 

 


Chine vò u mal'i l'atri, u soi è arretu a porta.(Chi vuole il mae altrui, il proprio è dietro l'uscio)

 


Chine simina spine nun pò jire scavuzu.(Chi semina spine non può camminare senza scarpe)

 


Accà cu medicu studìa, u malatu si nne va.(Fino a quando il medico studia gli interventi da prendere, l'ammalato muore)

 


Du pezzente arricchisciutu guardatinne.(Del pezzente arricchito devi gurdartene) 

 


Sta mparu unu fin'a cchi vò n'atru.(Sta comodo uno finchè l'altro vuole)

 


S'un te raspi ccu e manu tue nun ti nne cacci chiuritu.(Se non ti gratti con le tue mani, non ti togli il prurito) 

 


U munnu è nu futtituru, oje 'nculo a ttia, domane puru.(Il mondo è una fregatura sempre per le stesse persone)

 


Triul'i for'e diavulu 'n casa.(Spasso fuori e diavolo in casa)

 


S'u ciucciu 'n vò ma viva, avaca ma fischi!(Se l'asino non vuole bere è inutil fischiare per sollecitarlo)

 


Prumintire au certu e cugghiuniare au sicuru.(Promettere con certezza e coglionare con sicurezza) 

 


Quattru aprilante, iorni quaranta.(4 aprile, quaranta giorni)

 


Puzza di culu, sanità di corpu.(Il fetore che esce dal sedere manifesta una buona salute)

 


Piscia chiaru e và 'nculu au dottore.(Orina limpido e non hai bisogno del medico)

 


Fa chiddru chi t'è fattu ch'unnè peccatu.(Fai quel che ti è fatto perchè non è peccato)

 


A megghiu morte è a subitanea.(La migliore morte è la subitanea) 

 


Mancu u ciucciu torn'e passa i dduv'è cadutu.(Nemmeno l'asino ripassa dallo stesso punto dov'è caduto)